Ventiduesima puntata

Franco Giordani

Franco Giordani

Quella che sembrava dover essere l’ultima puntata di ALLONSANFAN – back to the Zeitgeist – ha avuto un ospite d’eccezione: trattasi del musicista Franco Giordani, talentuoso artista friulano che avevamo già avuto il piacere di conoscere nella sesta puntata della scorsa stagione. Franco ha presentato il suo primo CD da solista – Incuintretimp – del quale abbiamo potuto apprezzare diversi brani, alcuni dei quali da lui suonati e cantati in diretta.

Ma il talentuoso artista di Claut è andato ben oltre, cogliendo al volo il suggerimento dell’eccelso Filolao di musicare in diretta un jingle destinato a incrementare l’impatto comunicativo dello slogan creato da Lisandri per il suo nuovo movimento civico, il sempre più discusso Patriarcato di Aquileia 2.0: A dute manete quintri il mal. Si è trattato di un fine lavoro di progressiva cesellatura effettuato in diretta con rara disinvoltura da Franco, che ha fornito una prova concreta di fine eclettismo e spontanea capacità creativa. Grazie, Franco.

Sensibilizzato dalle pressanti richieste dei nostri ascoltatori – dedichiamo un saluto particolare alla nostra fedelissima Gretel – l’eccelso Filolao nella sua sconfinata sensibilità ha suggerito al Cavalier Codutti di fornire informazioni capaci infine di squarciare l’alone di mistero che ancora oggi avvolge la scomparsa dell’invitto Comandante Hagbard Celine, enigmatico avvenimento del quale il buon vecchio Lisandri è stato testimone. Testimone alquanto silente, dobbiamo obtorto collo ammettere. Tuttavia il Cavaliere si è impegnato formalmente a nominare una commissione d’inchiesta per fare luce sugli oscuri avvenimenti che hanno caratterizzato la fine della saga del leggendario Kirye Eleison. Speriamo ardentemente che quanto prima i risultati dei lavori della commissione siano resi pubblici. Speriamo bene. Sarebbe comunque una bella opportunità – per  Lisandri – per prendere distanza dalla prassi politica che utilizza la nomina di una commissione d’inchiesta quale strumento operativo per rotolare una definitiva pietra tombale su scomode verità che poteri occulti vogliono mantenere celate. Un’occasione d’oro per prendere le distanze dal triste Spirito del Tempo e assumere un comportamento all’altezza di un Patriarca 2.0. Facci sognare, Lisandri.

Non possiamo non spendere due parole sull’ennesimo haiku friulano di Lisandri. Trattasi del lavoro poetico Amelie, che certifica la presenza di un filone romantico/sentimentale nella complessa poetica coduttiana, filone la cui esistenza era già stata postulata dagli agiografi dopo la declamazione in diretta dell’haiku friulano Marie. Quindi è ormai acclarato che, sotto la dura scorza di ex combattente e imprenditore friulano, il buon vecchio Lisandri nasconde un cuore generoso, capace di passioni anche violente, che necessitano della sublimazione artistica per raggiungere una catarsi compatibile con le impegnative e concrete attività immanenti del Cavaliere, il cui mondo interiore appare essere sempre più complesso e sfaccettato. Alla faccia della feccia che lo considera un povero cialtrone semialcolizzato, mantenuto nel cenacolo culturale di ALLONSANFAN solo dallo spirito infinitamente caritatevole dell’eccelso Filolao, che per umana pietà non avrebbe cuore di sbatterlo a calci fuori dalla trasmissione.

Prima di accomiatarci ringraziamo sentitamente l’affidabilissimo Sandro Zavagno per il suo sempre impeccabile lavoro in regia e la Professoressa Rachele per i suoi interessantissimi Cjantonus culturai, rubrica della quale trovate l’elenco dei temi principali nella colonna qua a fianco.

Rendiamo inoltre ufficialmente noto che ci sarà un’ulteriore puntata – questa volta ultimissima – della corrente stagione di ALLONSANFAN – back to the Zeitgeist, lunedì 3 agosto, sempre alle ore 21, sulle magiche frequenze di Radio Onde Furlane.

Scarica la puntata

Annunci