Diciottesima puntata

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Sotto lo sguardo paterno dell’eccelso Filolao, continua alacre il lavoro di rifinitura dell’ennesimo progetto del Cavalier Lisandri Codut, l’ormai molto discusso Patriarcato di Aquileia 2.0. Trattasi non di un nuovo soggetto politico, come ha precisato il buon vecchio Lisandri, ma di un movimento civico, teso a superare il disperato e disperante Spirito del Tempo, per procedere verso un radioso futuro, guardando sempre al glorioso passato del nostro amato Friuli. Un nobile tentativo innanzi al quale ci inchiniamo deferenti. Non possiamo inoltre non guardare con stupita ammirazione al sacrale Contratto che il Cavaliere ha stipulato due settimane or sono con il popolo friulano, suggellato dalla solenne promessa di farsi linciare dalla folla inferocita nello Stadio Friuli, qualora non fosse in grado di onorarlo. Un esempio mirabile di concreta assunzione di responsabilità, in un momento storico in cui la nostra classe politica si distingue trasversalmente per le sue elevate prestazioni nella complessa ma immarcescibile tecnica dello scaricabarile. Grazie per farci sognare, Lisandri.

Anche se comprendiamo l’ardente desiderio di un vecchio imprenditore e combattente di gettare il cuore oltre l’ostacolo, non possiamo tuttavia non condividere il garbato invito a una maggiore prudenza verbale generosamente elargito al Cavaliere dall’eccelso Filolao. In particolare ci sembra non del tutto congruo con il messaggio di servizio al popolo l’idea di costruire un Sacrario per il Patriarca Lisandri sul colle del Castello di Udine. Forse sarebbe più opportuno quantomeno che il Cavaliere ufficializzi la sua candidatura a Patriarca davanti al Capitolo della Basilica di Aquileia, prima di sbilanciarsi eccessivamente con dichiarazioni che allo stato dell’arte potrebbero essere fraintese. Meno male che l’eccelso Filolao è sempre prodigo di generosi – e più che opportuni – consigli. Grazie, eccelso Filolao, per la tua taumaturgica presenza.

Purtroppo nell’odierna puntata non abbiamo potuto ascoltare la voce della Professoressa Rachele, che ha comunque provveduto con la sua consueta efficienza a fare pervenire i suoi preziosi Cjantonus culturai nella cabina di regia di Radio Onde Furlane. Alla loro lettura in diretta ha provveduto il come sempre impeccabile Filolao. Ci auguriamo che la Professoressa ritorni al più presto ad arricchire la trasmissione con la sua squisita presenza femminile, di cui abbiamo avvertito la mancanza.

Solo una breve nota sull’ultima fatica creativa di Lisandri, che ha come al solito declamato in diretta il suo ennesimo haiku friulano: Bepo. Trattasi di un sofferto lavoro che ancora una volta evidenzia la capacità del popolo friulano di affrontare con il sorriso sulle labbra le peggiori avversità della vita. Felici e friulani: un tema centrale nella poetica di Lisandri.

Non pago di averci regalato la succitata perla in versi, il Cavaliere – su nobile e rafinata sollecitazione dell’eccelso Filolao – ha fornito un altro esempio tangibile di come il suo cristallino animo friulano sia capace di apprezzare il lato positivo della vita anche nelle situazioni apparentemente più difficili: dopo lunga malattia è passata a miglior vita la sua amatissima agne Marie, lasciandolo però erede di notevoli proprietà mobiliari ed immobiliari. La facilità con la quale Lisandri ha saputo concentrarsi sui lati positivi della vicenda, glissando per altro con nobile bonomia sulle ardue problematiche legali sorte con i nipoti, costituisce a nostro avviso un paradigmatico esempio di positività ed amore della famiglia tipicamente friulane.

Il tema del superamento delle difficoltà dell’umana esistenza è centrale anche nell’opera del noto artista friulano contemporaneo Kurtz H. Ciattanuga che impreziosisce il post a commento dell’odierna puntata: trattasi del sofisticato lavoro grafico Escaping from Pandora. Si tratta di una tipica produzione appartenente alla sua fase post-iperrealistica, periodo travagliato nel quale il genio creativo di Kurtz H. ha forse raggiunto il suo apice di capacità sincretica, fecondato dalle sofferenze derivanti dalle travagliate vicende personali del noto esponente della Discaric Art.

Dopo avere ringraziato il come sempre granitico Sandro Zavagno per il suo mirabile lavoro in regia e augurandoci il rientro in trasmissione della Professoressa Rachele – alla quale va comunque il nostro sentito elogio per essere riuscita a fare pervenire i suoi preziosi Cjantonus culturai – ricordiamo ai nostri fedeli lettori ed ascoltatori che la prossima puntata della stagione di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist andrà in onda lunedì 8 giugno, come sempre alle ore 21.

Scarica la puntata

Annunci