Nona puntata

Golden Eve

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Anno nuovo, vecchie consuetudini. La prima puntata del 2015 di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist sembra confermare i trend consolidatisi alla fine dello scorso anno: se il livello di eccellenza del sublime Filolao continua ad innalzarsi verso vette inarrivabili, se la Professoressa Rachele si rivela essere una sempre più esperta ed arguta conoscitrice della cultura del nostro amato Friuli, l’esuberante comportamento del Cavalier Lisandri Codut suscita crescenti perplessità.

Al netto della dovuta riconoscenza per un vecchio combattente che molto ha dato (in un passato glorioso – è vero – ma sempre più remoto) per i Sacri Valori della nostra Piccola Patria, non possiamo non rilevare il continuo incremento del livello di opportunistica dabbenaggine palesato di Lisandri.

Possiamo chiudere un occhio sulla continua e inopportuna propaganda della sua creatura politica (l’ormai più che discutibile Accolita Indipendentisti Durazzo – Friul libar), possiamo sorvolare sulla credibilità del vile assalto dell’orso Bepo (il cui semplice nome è in grado di trasformare Lisandri in un tremebondo e piagnucolante senescente in odore di incontinenza), possiamo soprassedere sulle sue uscite estemporanee come la ventilata trasformazione di Udine in un prosperoso porto fluviale, ma le odierne proposte del Cavaliere in merito alle politiche economiche da adottare per uscire dalla crisi nella quale siamo attanagliati ci hanno lasciati alquanto sconcertati. Sconcertati a dir poco.

Lisandri ha per di più affermato con apparente sicumera nell’odierna puntata che il nonno paterno era amico intimo del famoso economista, sociologo e filosofo tedesco Max Weber (soprannominato in casa Codutti Max l’orizzontal, per la sua presunta difficoltà a contrastare la forza gravitazionale in seguito a un consumo di alcolici congruo con le tradizioni friulane). Molti sostengono che tale affermazione sia una semplice millanteria. Non abbiamo prove per sostenere questa tesi – dalla quale ci dissociamo – ma certo la differenza tra lo spessore del pensiero del noto filosofo teutonico e le estemporanee esternazioni del cavaliere fa riflettere. Che si tratti di un’abile strategia mirante a confondere le acque guardando a imperscrutabili obiettivi di lungo periodo, sotto la superlativa supervisione dell’eccelso Filolao? Non possiamo affermarlo con certezza.

O forse hanno ragione quanti sostengono che la parabola discendente di Lisandri sia correlabile al suo impegno politico, che lo costringerebbe ad uniformarsi alla dabbenaggine imperante? Non vi sono prove esaustive a suffragio di tale affermazione, ma dobbiamo obtorto collo ammettere che questa interpretazione sarebbe coerente con lo Spirito del Tempo che pervade la nostra triste contemporaneità postindustriale. Purtroppo.

Come al solito per lenire lo sconforto derivante dalla convivenza con la quotidiana mediocrità ci rifugiamo nella cultura. Non possiamo non citare l’impegno poetico del Cavaliere – probabile che Lisandri in questo modo cerchi inconsciamente di redimersi – che nell’odierna puntata ha composto e declamato in tempo reale uno dei suoi amati haiku friulani, Sperance.

Ma è soprattutto dalla contemplazione del lavoro grafico che impreziosisce questo post che traiamo preziosa linfa vitale a nutrimento delle nostre logore anime, spossate dalla quotidiana convivenza con la desolata mediocrità del quotidiano scorrere degli eventi. Trattasi di un’opera del noto artista friulano contemporaneo Kurtz H. Ciattanuga – Golden Eve – esempio paradigmatico della Discaric Art, corrente artistica della quale Kurtz è come noto insigne esponente.

Ricordando ai nostri fedeli lettori ed ascoltatori che la prossima puntata di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist andrà in onda lunedì 2 febbraio 2015 alle ore 21, cogliamo come al solito l’occasione per ringraziare l’inossidabile Sandro Zavagno per il suo come sempre altamente professionale lavoro in regia, e la Professoressa Rachele per la rara competenza con la quale cura la sua imperdibile rubrica culturale, della quale è possibile leggere i temi principali sunto nella colonna a fianco.

Scarica la puntata

Annunci