Ottava puntata

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Il 2014 volge mestamente al termine e per il rinnovato cenacolo culturale formato dall’eccelso Filolao, dalla Professoressa Rachele e dal Cavalier Lisandri Codut è tempo di tirare le somme sull’anno che se ne sta andando.

Lo Spirito del Tempo vorrebbe un giudizio all’insegna dell’ottimismo di maniera, tuttavia l’impietosa ma oggettiva analisi dell’eccelso Filolao lascia poco spazio alle valutazioni positive. Gli eventi che il 2014 ha lasciato incisi nella nostra memoria sono tutt’altro che esaltanti: basta pensare alle tragedie degli incidenti aerei costati la vita a centinaia di persone, alla crescente minaccia dell’ISIL, alle tensioni in Ucraina, al triste succedersi di fallimenti aziendali. Non è facile trovare argomentazioni valide per opporsi a un giudizio negativo su questo mesto 2014.

Certo il buon Lisandri ha provato ha portare una ventata di ottimismo, ma sulla sostenibilità delle sue argomentazioni è lecito rimanere alquanto perplessi. Difficile non ricondurre il suo comportamento a un mero atteggiamento di facciata, caratteristico di una certa classe dirigente prodiga di buone parole ma strutturalmente carente di soluzioni pratiche ai problemi nei quali la nostra stanca società sta inesorabilmente affondando. Come l’eccelso Filolao non ha mancato di fare notare con la sua sagace arguzia, la sindrome di Pollyanna del Cavaliere è quasi certamente ascrivibile al suo impegno politico nella sempre più discussa Accolita indipendentisti Durazzo – Friul libar, e ai discutibili suggerimenti del suo consulente. Puro marketing politico, quindi. In linea con lo Spirito del Tempo che ha pervaso l’anno che se ne sta andando. Tante chiacchiere, zero sostanza.

Niente lascia presagire che l’anno che verrà sarà migliore di questo. A cominciare dalla prossima impresa annunciata da Lisandri: la scalata del Matajur in vesti adamitiche in piena notte, sfidando le temperature polari che attanagliano questo scorcio di fine anno. Il fatto che il Cavaliere abbia glissato – in maniera per nulla elegante – alla richiesta dell’eccelso Filolao di fornire un data precisa in cui tale evento dovrebbe concretizzarsi, è cosa che lascia alquanto perplessi. Ma anche questo è in linea con lo Spirito del Tempo. Purtroppo.

Per trovare qualcosa di positivo che ci faccia cambiare umore, ancora una volta dobbiamo rifugiarci nella cultura. Basta soffermare lo sguardo per pochi istanti sull’opera che impreziosisce questo post per godere dei suoi indubbi effetti taumaturgici, capaci di elevarci dal piatto liquame della quotidianità. Trattasi di Brigthness, capolavoro del noto artista contemporaneo friulano Kurtz H. Ciattanuga, insigne maestro del movimento Discaric Art.

Cogliendo l’occasione per augurare a tutti un felice anno nuovo, ricordiamo ai nostri fedeli lettori ed ascoltatori che la prossima puntata della stagione di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist andrà in onda lunedì 19 gennaio 2015 alle ore 21.

Come sempre ringraziamo l’imperturbabile Sandro Zavagno per il suo inappuntabile lavoro in regia e l’impagabile Professoressa Rachele per la sua indispensabile rubrica culturale, della quale trovate elencati i temi principali nella colonna a fianco.

Scarica la puntata

Annunci

Settima puntata

Roberto Sorgo

Roberto Sorgo

Nell’odierna puntata il rinnovato cenacolo culturale formato dall’eccelso Filolao, dalla Professoressa Rachele e dal Cavalier Lisandri Codut ha accolto un ospite d’eccezione: Roberto Sorgo. Poliedrica persona dai molteplici interessi, Roberto ha scritto e pubblicato diversi libri, due dei quali segnaliamo in questa sede: Religioni ieri e oggi: storia, idee, società (assieme a Albert Abou Abdallah) e Non c’è più religione.

Il tema centrale dell’odierna puntata è stato l’evoluzione delle religioni nella storia dell’uomo, a partire dalle sue origini fino ai nostri giorni. Un tema complesso, appassionante e quanto mai attuale, che è stato sviscerato con semplicità e competenza nel corso del piacevolissimo dialogo intercorso tra Roberto e l’eccelso Filolao.

Anche Lisandri ha cercato di apportare il suo contributo al dibattito di elevato livello culturale. Nonostante il dovuto rispetto a un vecchio combattente del nostro amato Friuli e ai suoi inumani sforzi per tenersi al passo con i tempi, dobbiamo dire che i risultati non sono stati eccelsi. Tutt’altro.

Se si poteva chiudere un occhio sulla sua lettura delle complesse problematiche religiose contemporanee – e dei conflitti ad esse spesso associati – come semplice strumento mediatico da utilizzare a fini propagandistici per la sua creatura politica – l’ormai famosa Accolita Indipendentisti Durazzo – Friul Libar, la sua palese ignoranza sulla differenza tra le tradizioni religiose e la realtà storica è stata un duro colpo alla credibilità del suo percorso di crescita personale e culturale.

Il crollo psicologico subito dal Cavaliere quando ha saputo che la stella cometa è in realtà un simbolo entrato nella cultura occidentale grazie a un affresco di Giotto – tuttora visibile nella Cappella degli Scrovegni a Padova – è stato devastante. Un nuovo trauma che si somma a quello recentemente subito durante lo spaventoso attacco dell’orso Bepo, in centro a Udine. Speriamo che l’equilibrio psichico di Lisandri regga.

Chiediamo scusa se il post a commento dell’odierna puntata non è impreziosito dalla consueta opera del famoso artista friulano contemporaneo Kurtz H. Ciattanuga, noto e acclamato esponente di spicco del movimento Discaric Art, ma ci è sembrato doveroso rendere omaggio a Roberto immortalandolo durante il dibattito radiofonico di eccelso spessore culturale.

Dopo avere ringraziato l’imperturbabile Sandro Zavagno per il suo impeccabile lavoro in regia e all’impareggiabile Professoressa Rachele per la sua preziosa rubrica culturale – di cui nella colonna a fianco trovate elencati i temi principali – ricordiamo ai nostri fedeli lettori ed ascoltatori che la prossima puntata della stagione di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist andrà in onda lunedì 29 dicembre, come sempre alle ore 21.

Scarica la puntata

Sesta puntata

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Photo by Kurtz H. Ciattanuga – Personal Collection

Il rinnovato cenacolo culturale formato dall’eccelso Filolao, dalla Professoressa Rachele e dal Cavalier Lisandri Codut nell’odierna puntata ha avuto un ospite d’eccezione. Trattasi del noto Mago Damiano, esibitosi in diretta radiofonica in uno strabiliante performance di prestidigitazione seguita da una superba prova di ventriloquia.

Nonostante il pieno successo dell’artista – la cui fama è mondiale – il Cavalier Lisandri Codut non ha apprezzato la sparizione di 1200 Euro dal suo portafoglio, avvenuta durante la performance. Dispiace che Lisandri sia ancora troppo legato all’aspetto materiale della vita, nonostante abbia recentemente dato prova di una crescente espressività artistica. Non deve essere facile per lui accettare questo sua nuova dimensione, specie dopo i lunghi anni passati al comando del mai dimenticato Comandante Hagbard Celine, battendosi sotto il suo vessillo, l’ormai leggendaria Bandiera Bianca. Confidiamo che l’eccelso Filolao continui a guidarlo con mano paterna.

E se qualcuno poteva forse nutrire dei dubbi sul doloroso processo di trasmutazione interiore di Lisandri, l’ascolto della sua struggente poesia Lusor – declamata in diretta dallo stesso Cavaliere – ha fugato ogni dubbio sulla solida realtà dei suo intimo struggimento. Non è facile scavare nel proprio intimo e venire a contatto con aspetti sconosciuti del proprio essere. Aspetti magari non piacevoli. Magari socialmente non graditi. Magari in aperto contrasto con l’immagine di duro combattente e scafato imprenditore friulano. Coraggio, Lisandri. Continua a scavare. L’eccelso Filolao ti sosterrà nei momenti difficili. Come ha sempre fatto. Grazie, eccelso Filolao.

Del resto è tipico degli artisti di spessore affrontare lunghi e complessi percorsi di crescita interiore. Crescita interiore che spesso avviene dolorosamente, come traspare dal travagliato – ma fecondo – cammino umano ad artistico del noto artista friulano contemporaneo Kurtz H. Ciattanuga, esponente di spicco del movimento Discaric Art. Il post a commento dell’odierna puntata è arricchito da una sua opera – Glorification – che lascia trasparire il suo straziante travaglio spirituale.

Ricordando ai nostri fedeli lettori ed ascoltatori che la prossima puntata della stagione di ALLONSANFAN – Back to the Zeitgeist andrà in onda lunedì 15 dicembre, come sempre ringraziamo l’imperturbabile Sandro Zavagno per il suo eccelso lavoro in regia e l’impagabile Professoressa Rachele per la sua indispensabile rubrica culturale – della quale trovate elencati i temi principali nella colonna a fianco.

Scarica la puntata